Chi è il parassita?

Film vincitore di moltissimi premi, tra i più importanti l’Oscar per il miglior film e per la miglior regia, Parasite  tratta dei bisogni e dei desideri di diverse classi sociali e dei confini che non vanno superati, se no, cosa succede?

Bong Joon-Ho, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico sudcoreano, è tornato l’anno scorso con quest’opera di genere thriller. 

La famiglia Kim, povera, vive in un piccolo seminterrato molto disturbato e privo di comodità necessarie alla nostra società come, ad esempio, il wi-fi. I figli per connettersi devono sfruttare le reti non protette nelle vicinanze e per farlo devono salire nel punto più alto dell’appartamento.
Al figlio, Ki-Woo, viene proposta l’opportunità di lavorare come tutor di inglese, fingendosi studente universitario, per Da-hye, la figlia della famiglia Park. Loro sono ricchi e vivono in una elegante e lussuosa villa ideata da un famoso architetto. Quando Ki-Woo inizierà il lavoro, coglierà l’occasione per raccomandare la sorella, Ki-Jeong, omettendo la parentela e fingendo di conoscerla perché frequenta la stessa classe di suo cugino e perché nel suo ambito è la migliore. Lei, così, inizierà a fare arteterapia al figlio della famiglia Park, il piccolo Ki-Jung. Allo stesso modo la furba Ki-Jeong troverà un modo per far perdere il lavoro all’autista della ricca famiglia e raccomanderà il padre, il quale a sua volta raccomanderà la moglie come governante, scalzando quella precedente.
Una sera, la famiglia Park decide di organizzare una gita e la famiglia Kim, rimanendo sola nella bellissima casa decide di festeggiare il successo avuto fino ad ora. L’atmosfera soddisfatta e festaiola, però, viene spezzata con il ritorno della vecchia governante che con la scusa di aver dimenticato qualcosa nel seminterrato cerca di dar soccorso al marito, che da quattro anni abita nel bunker della casa Park senza che la famiglia se ne sia mai accorta. Qui si evidenzia una classe sociale ancora più povera di quella dei Kim.

La domanda sorge spontanea: “chi è il parassita?” Fanno parte di questa categoria i poveri che per il benessere sono disposti a tutto, ad imbrogliare  sulle loro identità e a calpestare chiunque o i ricchi che non si accorgono delle classi sociali più basse e che si fermano a pensare al loro odore? I poveri puzzano perché sono poveri o sono poveri perché puzzano? E i ricchi sono gentili perché sono ricchi o sono ricchi perché sono gentili?

Film, a tratti divertente e a tratti tragico, ricco di significato in ogni sequenza ed elemento, propone la scena più toccante nel finale che non ci si aspetta. Dopo la chiusura tragica dei fatti, il film si conclude con il sogno di Ki-Woo che resta quello di arricchirsi ma questa volta non per se stesso ma per riscattare il padre. La cosa straziante è che è consapevole che tutto ciò non si avvererà.

Vanessa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: