Droni e Agricoltura: un volo sullo sviluppo e l’innovazione.

Sempre più spesso sentiamo parlare dell’utilizzo dei droni nelle pratiche agricole, innovazioni tali da poter semplificare e velocizzare molte azioni che, negli anni, hanno richiesto ore e giorni di fatica e duro lavoro.

Nel corso di questo anno scolastico vissuto con le restrizioni dell’epidemia da COVID-19, alcuni studenti dell’istituto sono risuciti a concludere il corso di formazione per il conseguimento dell’attestato Pilota APR rilasciato dall’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, con la supervisione del prof. Filippo Gagliano. Durante le ore teoriche si è trattato di argomenti quali: l’impiego del drone per rilievo aerofotogrammetrico, le componenti del drone, le previsioni meteo (per poter alzare e far volare il drone), le leggi e le norme comportamentali per i piloti APR ed infine i software per il processamento ed elaborazioni delle immagini e video durante il volo.

Vi sono molti campi in cui viene utilizzata la tecnologia con il supporto di droni ed uno di questi è l’agricoltura di precisione. Si parla di agricoltura di precisione quando vi è una strategia gestionale dell’agricoltura che si avvale di moderne strumentazioni ed è mirata all’esecuzione di interventi agronomici tenendo conto delle effettive esigenze colturali e delle caratteristiche biochimiche e fisiche del suolo. I periti agrari e agrotecnici e tutti coloro che potranno trarre enormi benefici dall’utilizzo dei droni studiati per questa specifica tecnica, potranno analizzare in modo semplice e veloce la situazione della coltura dall’alto ed intervenire in modo tempestivo con eventuali azioni correttive sulla coltura. Questo tipo di nuova tecnologia, non aiuta soltanto nella rilevazione di terreni e fotografie, infatti, esistono specifici droni in grado di rilevare temperatura, fare previsioni meteo, altri in grado di distribuire liquidi, in grado di sollevare pesi e persino in grado di fare consegne.

Solo negli ultimi anni in Italia ha cominciato a diffondersi e svilupparsi questa tecnica innovativa. I paesi più avanti di noi con la sperimentazione dell’utilizzo dei droni come macchine per il lavoro, sono la Francia i Paesi Bassi e alcuni stati degli Usa. Le ultime ricerche riguardano le Possibili applicazioni dell’uso del drone in agricoltura. Ad esempio la Yamaha Motor è entrata in pista sviluppando YMR-08, un drone elettrico multi rotore progettato per l’irrorazione aerea delle colture.

Gli sviluppi futuri dei prossimi anni saranno l’implementazione dei Sistemi Informativi Geografici (GIS) e l’uso del drone, applicando tecniche e strumenti per il monitoraggio ambientale e per lo studio e l’analisi dell’uso del suolo agricolo.

Gaia Perico con la supervisione del prof. Filippo Gagliano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: